Seguici su Facebook Seguici su Twitter
Aggiornato al 24/11/2018

Ecco perché nessun sistema alla roulette è infallibile

Se vi capita qualcuno che afferma di aver trovato un sistema infallibile alla roulette, inviategli il link a questa pagina e poi chiedetegli dove sbaglia la nostra dimostrazione. Recentemente ho incontrato un amico che conosce la mia passione per il gioco d'azzardo e mi ha riferito quanto segue: sono stato in Brasile e sai che ho conosciuto due italiani uno dei quali era un professore di matematica che gioca alla roulette con un sistema imbattibile? Io gli ho subito risposto “E quale sarebbe?” la risposta è stata un po' vaga anche perché il tipo non voleva svelare il suo metodo segreto ed il mio amico non essendo esperto non aveva nemmeno capito tanto bene il meccanismo. Peccato che non ci sia stato io al suo posto, in modo da scardinare la sua tesi. Magari un sistema con ottime probabilità di vincita esisterà pure, ma non uno che vinca matematicamente. Attenzione: con questo assunto non vogliamo scoraggiare nessun giocatore amatoriale o professionale della roulette, perché rimane pur sempre un gioco affascinante sia da provare che da studiare, ma uno dei motivi che mi ha spinto a scrivere questo articolo è che non se ne può più di vedere questi impostori che tentano di truffare le persone sul web vendendogli software in grado di vincere alla roulette o invitando i giocatori ad applicare un sistema che dovrebbe funzionare solo su determinati casino online. Dovete diffidare assolutamente di tutti questi farabutti perché se questi sistemi fossero veramente vincenti non li venderebbero certo a voi. Io personalmente non lo direi a nessuno e lo applicherei a tutte le roulette che conosco, in modo da vincere soldi a volontà. Il nostro intento con questo articolo è dimostrare ciò che nessuno ha mai fatto finora e cioè che non esiste un sistema matematicamente vincente che possa battere sistematicamente la roulette. Poniamo però l'attenzione sull'aggettivo “vincente”. Non siamo in grado di dimostrare che non esiste un sistema vincente, perché non sappiamo con esattezza cosa voglia dire vincente. Supponiamo di avere mille euro a disposizione da puntare al tavolo della roulette. Che significa avere un metodo vincente? Che ci farà vincere 100 euro? 1 euro? Che ci raddoppierà o triplicherà la nostra posta iniziale? Per questo motivo non possiamo definire con esattezza un sistema vincente. Quello però che possiamo fare è provare che ogni sistema ha la possibilità (magari se volete anche piccola) di perdere tutte le sue fiches, questo vorrebbe dire che nessun sistema è a prova di bomba. Supponiamo di avere a disposizione una roulette francese, online, dal vivo, o in un vero casinò non fa alcuna differenza. Naturalmente, si tratterà di una roulette regolare, cioè non truccata e dove tutti i numeri hanno la stessa probabilità di uscita. Inoltre, valgono le stesse situazioni che si riscontrano nei casinò online o non, cioè parliamo dell'esistenza dei limiti massimi di puntata e di un nostro budget limitato, perché altrimenti un sistema infallibile sarebbe quello di puntare al raddoppio sul rosso, tanto con un budget illimitato e senza limiti prima o poi il rosso uscirà. Desidero ricordarvi che anche Einstein sosteneva l'impossibilità di vincere sistematicamente alla roulette, ma essendo anche io un giocatore come voi, crediamo che la cosa non vi sia molto di aiuto, perché continuerete comunque a pensare che un metodo vincente deve pure esistere, al di là di quello che diceva Einstein. Dopo questo noioso, ma dovuto preambolo veniamo alla nostra semplice dimostrazione che si basa su due soli principi. Il primo è il fatto che non si possono coprire tutti i 37 numeri della roulette francese con delle fiches ed assicurarsi una vincita certa. Non credo ci sia nulla da dimostrare: per come è strutturata la roulette non potrete mai coprire l'intero panno verde ed assicurarvi una vincita sicura, perché se lo coprite tutto perderete matematicamente. Quindi, ad ogni puntata ci sono sempre delle caselle che rimangono vuote. Il secondo principio riguarda il fatto che la roulette non ha memoria. Questo concetto per molti sarà più difficile da assimilare perché sono in tanti coloro che aspettano magari l'uscita di 3 neri consecutivi per poi puntare sul rosso credendo che ora il rosso abbia più possibilità di uscita. Non è così. Ne abbiamo già parlato nelle uscite consecutive di un colore a cui rimandiamo la lettura.

Adesso, prendiamo il famoso sistema vincente che dovrà iniziare con una puntata ben specifica sul panno verde. La domanda che dobbiamo porci è: ci saranno delle caselle lasciate libere a favore del banco? Certo che si. Potranno uscire? Si!. Come si potrebbe pensare il contrario ossia che non possano uscire? Impossibile, se la roulette è regolare possiamo perdere tranquillamente la puntata. Ogni sistema ha una seconda puntata, il cui importo e distribuzione dipendono dall'esito (vincita o perdita) della puntata precedente. Domanda: anche in questa seconda puntata lasceremo delle caselle scoperte? Ebbene si! La pallina potrebbe cadere proprio in queste caselle lasciate vuote? Certo che potrebbe, e quindi perderemmo di nuovo. E così via al terzo, quarto, quinto colpo. La conclusione è che nessun sistema è sicuro, ma tutti possono portarvi alla perdita.

Quindi ora se qualcuno vi dice di aver trovato un sistema infallibile, la prima domanda che dovreste porgli è: con quale puntata inizia il tuo sistema? È ovvio che qualunque risposta vi dia, ci saranno delle caselle lasciate libere. Se ad esempio la prima puntata è sul nero voi risponderete: e che il rosso non può uscire? Magari il tipo risponderà si, ma se esce rosso alla volta prossima la puntata è raddoppiata sul nero e voi lo incalzate di nuovo: e che il rosso non può uscire 2 volte di seguito? Il concetto è piuttosto semplice: dato che ci sono delle caselle vuote, queste possono comunque uscire anche consecutivamente.