Seguici su Facebook Seguici su Twitter

Pokerstars apre il casino online in Spagna poi tocca all'Italia

Il casino spagnolo di PokerstarsDopo anni di dura resistenza, a quanto pare, anche Pokerstars ha ceduto alle lusinghe del gambling aprendo le porte del suo nuovo casinò online per ora solo sulla piattaforma spagnola. La società, madre del poker online puro, contro ogni aspettativa (o quasi) ha deciso di lanciarsi nel settore del gioco d'azzardo, scegliendo proprio la Spagna come punto di partenza e rendendo disponibili per ora i giochi di blackjack e roulette. L'apertura di Pokerstars al mondo del gambling online segna la fine di un'era: negli ultimi decenni infatti, Pokerstars è stata "La Poker Room", numero uno in traffico, varietà di giochi, tornei e montepremi, e molti suoi clienti ne apprezzavano l'esclusività e la dedizione del management, sempre attento e disponibile nei confronti dei giocatori. Molti fan, proprio per questa ragione, volevano che Pokerstars continuasse ad essere la poker room Numero Uno, evitando le inutili distrazioni che un casinò online poteva comportare. Ma l'acquisto di Rational Group e Holdford da parte di Amaya Games non poteva che segnare irrimediabilmente la rotta della piattaforma del poker più forte di tutti i tempi: dove c'è Amaya Games c'è un casinò online.

L'acquisto di Amaya

Amaya Games, già proprietaria di Ongame, è da sempre nota per la progettazione di giochi da casinò online, infatti, dopo l'acquisto di Pokerstars e Full Tilt aveva annunciato una strategia di sviluppo in senso verticale, che avrebbe incluso all'interno delle piattaforme anche un settore dedicato alle scommesse sportive ed ai giochi da casinò online. Praticamente l'esatto opposto di quanto aveva sostenuto solo a marzo Steve Day, il Director of Poker Room Operations di Pokerstars, che per tranquillizzare i fan della poker room aveva affermato, durante una conferenza, che non erano previsti nuovi giochi da casinò per la piattaforma, e che al massimo sarebbe stata Full Tilt Poker a vedere l'ingresso di gambling games. Ma mai dire mai, ed infatti, probabilmente quelle erano solo parole di circostanza scelte per non creare scompensi e nervosismi nella clientela.

Come volevasi dimostrare, solo poche ore dopo l'annuncio dell'acquisto, la REEL Spain, succursale spagnola di Pokerstars aveva richiesto ed ottenuto le license per poter offrire ai suoi clienti i giochi d'azzardo del blackjack e della roulette.

Questa mossa, è ben spiegata dalle parole dell'amministratore delegato di Amaya, David Baazov, al quale fanno eco le parole di Gino Appiotti, presidente della sezione Southern Europer di Poker Stars: il primo durante la conferenza stampa successiva all'acquisizione ha sostenuto che grazie alla nuova strategia prevista da Amaya, Pokerstars e Full Tilt Poker avranno la possibilità di aprire le porte ad altri giocatori, attirati da giochi da tavolo e slot tipiche dei casinò online, mentre il secondo ha voluto spiegare questa scelta, ricordando come molti clienti di Pokerstars si divertono ai giochi di casinò online su altre piattaforme concorrenti; in questo modo, dice Appiotti, "l'esperienza su Pokerstars sarà molto migliore per gli utenti che potranno divertirsi in maniera più varia, ma sempre sicura, affidabile e conveniente".

Nuovo look per Pokerstars

Dando uno sguardo alla piattaforma spagnola di Pokerstars ci si accorge subito che qualcosa è cambiato: nella home page campeggia il bottone d'accesso al casinò online dove è già possibile trovare una selezione di giochi di roulette e blackjack, entrambi disponibili nella versione soldi finti o soldi veri. I clienti che accedono al casinò online di Pokerstars possono scegliere tra una buona varietà di tavoli, e i giochi sono disponibili sia nella versione giocatore singolo che in quella multi-player. In realtà accedendo alla piattaforma da gioco di Pokerstars, almeno per ora, i giocatori si trovano ancora davanti agli occhi la lobby della poker room, ed i giochi del casinò online sono disponibili solo su Pokerstars 7, una versione che è predefinita per la Spagna, ma che è disponibile anche sui mercati dot-com. Allo stato attuale delle cose Amaya Group utilizza solo in Spagna la piattaforma di Pokerstars per offrire ai suoi clienti i giochi di casinò online, mentre in tutti gli altri Stati, per il momento ha scelto il marchio di Full Tilt Poker per proporre ai giocatori nuove varietà di giochi d'azzardo, in particolar modo blackjack, roulette e slot machine. La situazione però potrebbe presto cambiare.

Pokerstars sfiderà i casinò online anche in Italia?

Dopo aver lanciato il suo casinò online sulla piattaforma di Pokerstars, Amaya Group sta già pensando di replicare l'esperienza in altri mercati. In cima alla lista degli stati papabili c'è l'Italia che potrebbe seguire le sorti della collega spagnola: una sorpresa per gli esperti del settore, che non si aspettavano che il Bel Paese potesse essere selezionato per sfidare i marchi che hanno fatto dei giochi di casinò online i punti di forza aziendali. In realtà, questa scelta sembra effettivamente un po' azzardata, soprattutto se si pensa che l'Italia non è un paese dove il gioco d'azzardo nei casinò online ha un grande seguito. Ad ogni modo se Amaya Group decidesse di investire nel mercato italiano per il lancio della piattaforma mista di Pokerstars, la strategia ed il piano di sviluppo sarebbero diretti da Marco Trucco, l'attuale direttore dei giochi presenti sulla piattaforma di Eurobet, andando a sostituire Barbara Beltrami, l'ex country manager di Pokerstars Italia.

Se effettivamente, Pokerstars e il suo management dovessero decidere di immettere il casinò online sul mercato italiano, ruberebbero una consistente fetta di mercato alla concorrenza, ma ancora resta difficile capire se e quando. L'arrivo di Marco Trucco, esperto in giochi da casinò con un passato improntato sulle sale da gioco virtuali farebbe pensare che la trasformazione di Pokerstars sia imminente, e comunque una volta partita, così com'è stato per la piattaforma spagnola, ci vorrebbe pochissimo tempo per avere online le trasformazioni.

Novità 2015?

Per il 2015 Amaya promette oltre che un potenziamento delle possibilità di gioco nel casinò online spagnolo e l'ingresso della piattaforma mista sul mercato italiano, anche l'apertura di un bookmaker della casa. Inoltre, Amaya sta valutando l'ingresso del casinò online anche negli Stati Uniti, ed in particolare nello stato del New Jersey, dove i casinò online sono già legali: anche per i giocatori americani quindi potrebbe aprirsi la possibilità di confrontarsi con un prodotto di qualità, come Pokerstars, di cui gli europei hanno goduto per anni. Le attese sono altissime, e a noi non resta che accomodarci davanti al pc e vedere quando si materializzeranno sotto i nostri occhi. Una cosa è certa, un casinò Pokerstars, come già la poker room non potrà che essere un prodotto di altissimo livello sotto tutti i punti di vista.